Il Parco Regionale dell'Adda Sud

Fiume AddaIl corso dell'Adda si snoda, nella sua parte meridionale, tra depositi alluvionali. I terrazzi più antichi, di età olocenica, sono i più distanti dal letto fluviale, mentre i più recenti degradano lentamente verso l’asta del fiume. Il territorio protetto comprende, oltre ai boschi rivieraschi, anche zone palustri costituite da lanche" e "morte" che il fiume ha formato nel tempo, cambiando percorso...

 presentazione parco

Percorso rosso

PERCORSO ROSSO - KM 41
Partenza e arrivo: Rivolta D’Adda.
Estensione: Rivolta - sponda lodigiana - ponte di Bisnate (Zelo B.Persico) - sponda cremonese - Rivolta.

Scarica la cartina didattica

 

rossoINTRODUZIONE: L'itinerario descritto interessa la zona settentrionale del Parco Adda Sud, con partenza e arrivo a Rivolta d'Adda. E' un circuito ad otto che comprende un anello maggiore che si sviluppa sulle due sponde del fiume Adda e un anello minore che interessa la zona a Nord di Rivolta d'Adda. Ha come filo conduttore i canali irrigui Muzza e Vacchelli lungo i quali, per un certo tratto, corre il percorso.

DIFFICOLTA': nessuna dal punto di vista tecnico. Alcuni tratti lungo sentieri molto stretti vanno identificati con attenzione per non smarrire la strada.

CARATTERISTICHE: strade asfaltate e sterrate con tratti anche di sentiero.

DESCRIZIONE PERCORSO: dalla Piazza della Basilica di Rivolta (1a) imboccare Via Porta Rocca proseguendo dritti fino al rondò sulla S.P. Rivoltana che si supera proseguendo in direzione Nord. Raggiunta la trattoria imboccare la strada a sinistra fino al quagliodromo. Scendere lungo il fiume e appena superato il ponte svoltare a sinistra e raggiungere la strada. Salire sulla SP 14, percorrere il ponte e proseguire per circa Km 2 fino al canale Muzza (2a). Senza attraversarlo imboccare a sinistra lo sterrato che lo costeggia fino al ponte di Lavagna e proseguire lungo la strada asfaltata fino a Vaiano. Circa 450 m. dopo averlo superato, in corrispondenza di una curva a destra, si imbocca uno sterrato che porta fino alla piazza di Marzano (fraz. di Merlino) A destra è visibile Palazzo Carcassola (3). Proseguire a sinistra lungo la strada. Dopo 800 m. circa, all'altezza del ristorante; imboccare la deviazione che porta alla località "Adda Lido", all'altezza delle opere di presa del Canale Vacchelli (2c-2d). Scendere lungo il fiume per circa Km 1,5 fino alla riserva naturale "Lanca e Saliceto del Calandrone" (4). Costeggiare la zona umida ed entrare nel bosco per superare la roggia. Proseguire lungo il fiume e piegare poi decisamente a destra verso Bisnate. Lo si supera raggiungendo la SS 415 Paullese e il ponte in direzione Crema. Superatolo imboccare la prima via a sinistra e ritornare sulla sponda. Risalire il fiume e, dopo circa 1,5 km. seguire lo sterrato sulla destra. Circa m 200 dopo il ponte sulla roggia svoltare a sinistra e, raggiunto il Canale Vacchelli, voltare a destra e costeggiarlo fino alla Cascina Mandria. Passare sul ponte e proseguire fino ad un incrocio a T. Svoltare a sinistra e proseguire dritti fino alla SP 1. Svoltare a destra e proseguire. A 100 m. circa dal viale alberato del cimitero imboccare lo sterrato a sinistra. Si supera un ponte in cemento e, 100 m. circa dopo essersi lasciati la Zita alle spalle, imboccare a destra un sentiero nel campo fino a una scarpata. Risalirla e girare a destra. Dopo circa 300 m. si raggiunge il fiume che si risale seguendo il sentiero che costeggia la recinzione del Parco Zoo della Preistoria (1c), entra in un bosco per poi proseguire fino al vecchio ponte. Appena prima, sulla destra, si raggiunge un viale alberato che riporta verso la piazza di Rivolta.

1.RIVOLTA D'ADDA

BASILICA S.MARIA E S.SIGISMONDO. Costituisce uno splendido esempio di architettura romanica, su cui sono stati effettuati interventi in varie epoche. Fu costruita tra il 1088 e il 1098 dagli abitanti di Rivolta che la donarono alla Santa Sede. Per questo la basilica fu disgiunta dalle curie sia di Cremona che di Milano dipendendo direttamente dal Pontefice. La chiesa è strutturata a tre navate, ha una facciata a salienti che ha subito rimaneggiamenti a inizio secolo. Le tre absidi sono originali e hanno le caratteristiche tipiche dell'architettura romanica lombarda. Tutto il perimetro dell'edificio è percorso da archetti pensili e i muri sono costituiti da mattoni disposti a spina di pesce.L'interno che inizialmente dà l'impressione di trovarsi in una chiesa medievale intatta, ha subito pesanti manomissioni tra fine ottocento e inizio novecento. I resti di affreschi visibili sui pilastri, lungo i muri delle navate laterali e nella zona absidale dimostrano la tendenza, nelle chiese medievali, a dipingere tutte le superfici, compresi pilastri e colonne. L'imponente altare maggiore è datato 1765.

RISERVA NATURALE FONTANILE MERLO' GIOVANE. E' caratterizzato dalla presenza di fontanili dai quali sgorga acqua fresca e limpidissima. Il fenomeno dei fontanili è strettamente legato alla struttura geologica della pianura padana. Nella fascia settentrionale è costituita da materiali grossolani di natura ghiaiosa, permeabili all'acqua, la quale, penetrando nel sottosuolo, va a formare una falda acquifera. Verso la bassa pianura il terreno diventa argilloso, quindi impermeabile, ostacolando il passaggio della falda freatica che in tal modo affiora creando i fontanili. Questi sono captati con l'escavazione delle cosiddette "teste di fontanile" che permettono l'affioramento dell'acqua nelle tipiche "polle" o "occhi di fonte". L'acqua è poi convogliata nel canale che la distribuisce alla campagna da irrigare. La temperatura dell'acqua dei fontanili è costante e si aggira sui 10°-12°. Questo fatto ha sempre avuto una notevole importanza in agricoltura dato che consente l'irrigazione invernale di vaste aree prative denominate marcite con produzione di foraggio anche in inverno.

PARCO ZOO DELLA PREISTORIA. E' una struttura privata aperta al pubblico con ingresso a pagamento e compresa nel Parco Adda Sud. Occupa un'area di 65 ettari inserita in un bosco naturale di 100 ettari. E' stato allestito alla fine degli anni '70 con la ricostruzione in vetroresina di animali preistorici visibili percorrendo un sentiero ad anello di 4 km. Oltre alla riproduzione degli animali preistorici sono presenti recinti e voliere con animali vivi.

2.COMAZZO

CANALE MUZZA. Tra le derivazioni irrigue del fiume Adda, la Muzza è il più antico ed importante. La sua origine è antichissima. Il nome deriva dalla famiglia romana Mutia che scavò il canale captando l'acqua da un ramo naturale dell'Adda che venne denominato Aquae Mutiae. Attualmente ha origine dall'Adda a Cassano d'Adda e vi rientra a Castiglione d'Adda dopo circa 40 km. Le acque del canale sono utilizzate per l'irrigazione di un comprensorio di 55000 ettari e negli ultimi anni sono impiegate per il raffreddamento delle centrali termoelettriche di Cassano d'Adda e Tavazzano.

ORATORIO S.BIAGIO. Posto nella frazione di Lavagna, in località Rossate, è di origine cinquecentesca. Realizzato in pietra a vista, è uno splendido impianto bramantesco con pianta a base quadrata con tiburio (struttura a forma di parallelepipedo a base poligonale o cilindrica che racchiude la cupola) ottagonale caratterizzato dalla presenza di un occhio sovrastato da una finestra cieca su ogni lato. L'interno, al momento, è in condizioni di abbandono assoluto.

RISERVA NATURALE LANCA DI COMAZZO. La lanca è un tronco morto del fiume e origina quando un meandro viene abbandonato dal corso del fiume che s'incanala in un nuovo alveo generalmente in conseguenza di una piena. Nel corso del tempo il graduale interramento determina l'interruzione della comunicazione con il fiume. Il meandro rimasto isolato è identificato con il nome di "morta" e dopo decenni se non secoli di progressivo abbassamento del livello di acqua si evolverà in bosco.

CANALE VACCHELLI. E' un'opera idraulica realizzata alla fine dell'ottocento da un consorzio coordinato dall'ing. Pietro Vacchelli avente come finalità l'irrigazione dell'agro cremonese. Il canale ha inizio dall' Adda in località Bocchi, raggiunge la città di Crema, supera il fiume Serio e prosegue fino a scaricare le acque di colo nel fiume Oglio.

3.MERLINO

PALAZZO CARCASSOLA. Eretto nel XVIII sec. su una preesistente struttura difensiva ha corpo quadrangolare con cortile interno e torre che gli conferiscono un aspetto molto severo.

4.ZELO BUON PERSICO

RISERVA NATURALE LANCA E SALICETO DEL CALANDRONE. Trattasi di una lanca originata dalla foce in Adda della roggia Calandrone.

Ultima modifica il Venerdì, 07 Novembre 2014 17:27