Il Parco Regionale dell'Adda Sud

Fiume AddaIl corso dell'Adda si snoda, nella sua parte meridionale, tra depositi alluvionali. I terrazzi più antichi, di età olocenica, sono i più distanti dal letto fluviale, mentre i più recenti degradano lentamente verso l’asta del fiume. Il territorio protetto comprende, oltre ai boschi rivieraschi, anche zone palustri costituite da lanche" e "morte" che il fiume ha formato nel tempo, cambiando percorso...

 presentazione parco

Progetti e inziativeFesta dell'albero e progetto filari

Festa dell'albero e progetto filari

Il Parco Adda Sud mette a disposizione dei Comuni, delle Scuole, delle Associazioni, degli agricoltori e dei privati cittadini alberi ed arbusti autoctoni da porre a dimora nella stagione autunno-primaverile in aree di proprietà o direttamente gestite, ubicate all'interno del territorio del Parco Adda Sud (il Parco, in base alla propria disponibilità di materiale forestale e a specifici criteri di valutazione, si riserva la possibilità di modificare parzialmente o totalmente la fornitura richiesta).
Gli interessati sono invitati ad inoltrare richiesta scritta in carta semplice, con indicato il numero e le specie arboree desiderate.
Le piante oggetto della fornitura dovranno essere direttamente espiantate e ritirate dai richiedenti presso i piantonai gestiti dal Parco, dal 01 Novembre c.a. al 28 febbraio dell'anno successivo, previo accordo telefonico con il personale addetto di questo Ente (tel. 0371.411129 interno 1).
Presso gli uffici del Parco è possibile rivolgersi per avere ulteriori chiarimenti nonché per ritirare i moduli prestampati della domanda.
Le domande dovranno pervenire presso gli uffici del Parco ENTRO il 15 SETTEMBRE c.a.

Il Presidente Silverio Gori

Il Parco nel territorio

Le testimonianze naturali e culturali presenti nel territorio lungo l'Adda sono il frutto del lavoro continuo degli elementi della natura arricchita dalla intelligente e faticosa opera dell'uomo, che ha saputo usare le risorse con oculata lungimiranza per molti secoli.
Il pericolo che i valori culturali ed ambientali si depauperino irrimediabilmente, inghiottiti dalla logica del “tutto e subito” come se l'attuale generazione dovesse essere l'ultima, induce ad una riflessione sul divenire della vita e sulla esistenza delle sue basi materiali.
Provate ad immaginare un territorio senza alberi, quegli alberi che hanno dato e danno ossigeno per vivere, che hanno dato riparo, che proteggono tutt'ora il suolo dalla erosione, che hanno scaldato uomini e donne stremati dalla fatica; che hanno dato attrezzi da lavoro ed ombra per riposare; non sentireste la mancanza dell'amico albero in un paesaggio innaturale e reso inospitale dalla mancanza di una delle sue risorse più preziose?
Il Parco è nato anche per questo: per il dovere che abbiamo di salvaguardare le risorse finite e di incrementare quelle rinnovabili.
Con il progetto “Festa dell'Albero – Progetto Filari” il Parco Adda Sud si è posto concretamente il problema di contribuire a rinnovare le risorse territoriali, incrementando la diversità e migliorando anche la qualità dell'ambiente.
Il Parco è soprattutto questo: un'istituzione finalizzata ad una gestione intelligente e lungimirante del territorio e delle sue risorse.

Ultima modifica il Mercoledì, 02 Maggio 2018 14:48